L'Associazione IL NODO GROUP presenta

aver cura di chi cura

Gruppo Balint interprofessionale per la manutenzione del ruolo curante nelle professioni d’aiuto

seconda edizione dal 27 settembre 2017

terza edizione dal 21 febbraio 2018  

Associazione UDGC-YWCA via San Secondo 70, Torino

Balint 2017 1024x683 2

Il metodo dei Gruppi Balint ideato da Michael Balint può offrire ai medici e agli altri operatori delle professioni d'aiuto- psicologi, infermieri, assistenti sociali, educatori, insegnanti- un'occasione di condivisione delle esperienze di lavoro e di confronto/supporto tra pari, che proprio per questo può configurarsi come spazio di sollievo e al tempo stesso di riflessione: non solo uno strumento per lo sviluppo professionale del curante e l’affinamento delle sue competenze psicologiche, ma anche un modo per aumentare la soddisfazione lavorativa, evitare il burn-out, ridurre lo stress occupazionale e, in definitiva, per attuare una manutenzione del ruolo curante capace di renderlo al tempo stesso efficace e sostenibile.



staffCOSA SONO I GRUPPI BALINT

I Gruppi Balint ideati da Michael Balint rappresentano una collaudata metodologia di formazione esperienziale di gruppo e offrono agli operatori delle professioni d'aiuto centrate sulla relazione un'occasione di condivisione delle esperienze di lavoro e di esplorazione delle emozioni ad esse correlate. 
Sono governati da 2 conduttori di orientamento psicodinamico e utilizzando il confronto e il supporto tra pari si configurano come: 
  • uno spazio di sollievo, di riflessione e di sostegno al compito, 
  • uno strumento per lo sviluppo professionale del curante e per l’affinamento delle sue competenze psicologiche e relazionali, 
  • un ausilio della soddisfazione professionale, 
  • un dispositivo di prevenzione dello stress lavoro-correlato e del burn-out. 
I gruppi Balint permettono una manutenzione del ruolo curante con l’obiettivo di renderlo al tempo stesso efficace e sostenibile. Ogni Gruppo Balint è un gruppo “naturale” con una sua vita e i relativi cicli di invecchiamento e rinnovamento ed è costituito da 10-12 partecipanti che si riuniscono in sedute di un’ora e mezza con cadenza quindicinale per un periodo di uno o due anni e lavorano su casi individuali, eventi di gruppo e situazioni istituzionali presentati di volta in volta da ciascun membro del gruppo.

Per approfondire: pdfLa_storia_del_metodo_Balint.pdf

letteraLETTERA DEL RESPONSABILE SCIENTIFICO

Caro collega e «professionista dell’aiuto»,

desidero presentarti i Gruppi Balint inter-professionali per la manutenzione del ruolo curante che la mia Associazione - IL NODO group - sta organizzando e intende avviare nei primi mesi del 2017.

I gruppi Balint sono un metodo di formazione alla relazione curante/paziente creato negli anni '50 dallo psicoanalista ungherese Michael Balint presso la Tavistock Clinic di Londra, concepito in origine per il training dei medici di famiglia (i "general practitioners"), ed esteso poi anche a medici ospedalieri, infermieri, assistenti sociali, counsellors per i problemi giovanili, psicologi, insegnanti, ecc., e tuttora largamente applicato in molti paesi d'Europa, negli USA, in Asia e in Australia.

Un gruppo di 10 - 15 professionisti si incontra ogni 1-2 settimane per circa un'ora e mezza per un anno o due con la guida di un esperto nella conduzione di gruppi, presentando a turno il caso di un paziente/cliente - specialmente se problematico o "difficile" - ed esplorando con il contributo dei partecipanti e l'aiuto del conduttore la natura e la qualità della relazione di cura, le emozioni e le fantasie che la impregnano e soprattutto l'influenza che queste esercitano sulla diagnosi, sull'andamento della terapia, sul percorso assistenziale ed educativo, sull'alleanza di lavoro col paziente/utente (o, viceversa, sui conflitti e la non-compliance che ne emergono) e sui rapporti con i familiari, i colleghi e gli altri soggetti coinvolti nel trattamento. 
Il focus non è primariamente sulla malattia, sul quadro clinico o sulla situazione sociale, ma sul cliente, o meglio, sul rapporto che si instaura tra questo e il suo medico o con lo staff curante o con i diversi professionisti che che lo hanno in carico, nello studio medico, in ospedale, in RSA, in un hospice, sull'ambulanza del 118, in una comunità, in un’assistenza domiciliare - dovunque le cure e le prestazioni assistenziali vengano offerte.
 
Il metodo parte dall'assunto che il curante (o il sistema della cura e dell’assistenza) è una specie di farmaco e che quindi per potersi somministrare correttamente deve imparare a conoscersi meglio, deve sapere la propria "farmacodinamica", la posologia, la tossicità, l'efficacia e gli effetti collaterali... L'obiettivo che si persegue non è tanto una migliore prestazione in sè, ma una migliore relazione di cura e d’aiuto da cui è prevedibile che deriverà un clima più collaborativo e in definitiva migliori risultati, e comunque meno fatica, meno ansia e meno frustrazione nel cercare di ottenerli.

Le esperienze fatte finora mettono in evidenza l'utilità del metodo sia sul piano del "sostegno tra pari" che come esplorazione della "clinica della relazione di cura e d’aiuto" e anche come allenamento al lavoro di équipe. In tempi in cui sta diventando sempre più complicato e logorante fare il medico o prendersi cura dei malati, e in generale di persone che soffrono per disagi fisici, psicologici e sociali, i Gruppi Balint possono contribuire a ridurre il carico emotivo della funzione di cura, di assistenza e d’aiuto, e a prevenire il burnout e la disaffezione.

Spero di avere suscitato il tuo interesse e mi auguro di incontrarti in uno dei nostri Gruppi di prossimo avviamento 

Mario Perini
Psichiatra, psicoanalista, direttore scientifico de IL NODO group, conduttore di Gruppi Balint




staffA CHI È RIVOLTO

I partecipanti del gruppo sono operatori e professionisti impegnati in relazioni di cura, educative e d’aiuto all’interno di strutture e servizi sanitari di tipo pubblico o privato. Il gruppo è quindi rivolto a medici di famiglia, specialisti, ospedalieri e funzionari, psicologi, infermieri, educatori, assistenti sociali e altre figure professionali della sanità e dell’assistenza – come vigilatrici di infanzia, OSS – e della scuola (insegnanti). 

Rispetto al modello originario dei Gruppi Balint, che prevede la partecipazione di figure provenienti dallo stesso ambiente lavorativo, per lo più medici, in questo gruppo la relativa eterogeneità delle persone, delle discipline professionali, delle culture e dei linguaggi di lavoro si giustifica per la sua aderenza ai modelli contemporanei di lavoro basati sull’équipe multiprofessionale e sulla rete dei servizi territoriali; per la sua valenza di stimolo all’apprendimento e al confronto tra le diverse prospettive, come dimostrano le esperienze formative condotte in tutto il mondo nell’ambito del cosiddetto “modello Tavistock” delle relazioni di gruppo.



staffQUOTE DI ISCRIZIONE

Medici e psicologi  € 35,00 + IVA singolo incontro 

Infermieri, educatori, assistenti sociali ed altre professioni sanitarie € 25,00 + IVA singolo incontro

Studenti e i lavoratori precari 
 € 15,00 + IVA singolo incontro.

Il pagamento dovrà essere effettuato con bonifico bancario intestato a:

Associazione IL NODO GROUP
A.B.I  02008 C.A.B. 01058 IBAN: IT 92 S 02008 01058 000040951624
Causale Gruppo Balint 2017_cognome nome_edizione n....


staffQUANDO, DOVE, COME

Le sedute del gruppo si svolgono al mercoledì sera, la sera dalle 21 alle 22,30 con regolare cadenza quindicinale.
 
CALENDARIO 2a edizione  a partire da settembre 2017
  • 27 settembre 2017
  • 11 ottobre
  • 25 ottobre
  • 8 novembre
  • 22 novembre
  • 6 dicembre
  • 20 dicembre
  • 10 gennaio 2018
  • 24 gennaio 
  • 7 febbraio

CALENDARIO 3a edizione  a partire da febbraio 2018
  • 21 febbraio 2018
  • 7 marzo
  • 21 marzo
  • 4 aprile
  • 18 aprile
  • 2 maggio
  • 16 maggio
  • 30 maggio
  • 13 giugno
  • 27 giugno

Gli incontri verranno sospesi per circa due mesi in occasione delle vacanze estive e per periodi più brevi a Natale e a Pasqua; qualora coincidano con una festività nazionale non verranno effettuati. Ai partecipanti verrà fornito il calendario delle sedute previste nell’anno solare in corso, da rinnovarsi in quelli successivi.

Le date programmate non verranno cambiate, salvo casi eccezionali e comunque col consenso di tutti i membri del gruppo. Qualora una seduta debba essere cancellata per eventi imprevisti,  ne verrà data tempestiva comunicazione a tutti i partecipanti. 

Al fine di permettere un adeguato lavoro di gruppo si raccomandano ai partecipanti sia la puntualità sia la continuità nella frequenza. Il gruppo vive dei contributi dei suoi membri e una partecipazione occasionale o discontinua oltre a comprometterne la creatività tende a generare ansia e demotivazione. 

Gli incontri del Gruppo Balint si svolgeranno presso i locali dell’Associazione UDGC-YWCA in via San Secondo 70, Torino. 

PER INFORMAZIONI 

Segreteria organizzativa: Alessandro Siciliano
Tel. +39 339/1255583. | Mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
Per iscriversi compilare il modulo di iscrizione on-line