L'Associazione IL NODO GROUP presenta

aver cura di chi cura

Gruppo Balint interprofessionale per la manutenzione del ruolo curante nelle professioni d’aiuto 

5a Edizione  


dal 20 febbraio 2019  

Y.W.C.A -U.C.D.G- Foyer di Torino- via San Secondo 70, Torino

Balint 2017 1024x683 2

Il metodo dei Gruppi Balint ideato da Michael Balint può offrire ai medici e agli altri operatori delle professioni d'aiuto- psicologi, infermieri, assistenti sociali, educatori, insegnanti- un'occasione di condivisione delle esperienze di lavoro e di confronto/supporto tra pari, che proprio per questo può configurarsi come spazio di sollievo e al tempo stesso di riflessione: non solo uno strumento per lo sviluppo professionale del curante e l’affinamento delle sue competenze psicologiche, ma anche un modo per aumentare la soddisfazione lavorativa, evitare il burn-out, ridurre lo stress occupazionale e, in definitiva, per attuare una manutenzione del ruolo curante capace di renderlo al tempo stesso efficace e sostenibile.



staffCOSA SONO I GRUPPI BALINT

I Gruppi Balint ideati da Michael Balint rappresentano una collaudata metodologia di formazione esperienziale di gruppo e offrono agli operatori delle professioni d'aiuto centrate sulla relazione un'occasione di condivisione delle esperienze di lavoro e di esplorazione delle emozioni ad esse correlate. 
Sono governati da 2 conduttori di orientamento psicodinamico e utilizzando il confronto e il supporto tra pari si configurano come: 
  • uno spazio di sollievo, di riflessione e di sostegno al compito, 
  • uno strumento per lo sviluppo professionale del curante e per l’affinamento delle sue competenze psicologiche e relazionali, 
  • un ausilio della soddisfazione professionale, 
  • un dispositivo di prevenzione dello stress lavoro-correlato e del burn-out. 
I gruppi Balint permettono una manutenzione del ruolo curante con l’obiettivo di renderlo al tempo stesso efficace e sostenibile. Ogni Gruppo Balint è un gruppo “naturale” con una sua vita e i relativi cicli di invecchiamento e rinnovamento ed è costituito da 10-12 partecipanti che si riuniscono in sedute di un’ora e mezza con cadenza quindicinale per un periodo di uno o due anni e lavorano su casi individuali, eventi di gruppo e situazioni istituzionali presentati di volta in volta da ciascun membro del gruppo.

Per approfondire: pdfLa_storia_del_metodo_Balint.pdf

letteraLETTERA DEL RESPONSABILE SCIENTIFICO

Caro collega e «professionista dell’aiuto»,

desidero presentarti i Gruppi Balint inter-professionali per la manutenzione del ruolo curante che la mia Associazione - IL NODO group - sta organizzando e intende avviare nei primi mesi del 2017.

I gruppi Balint sono un metodo di formazione alla relazione curante/paziente creato negli anni '50 dallo psicoanalista ungherese Michael Balint presso la Tavistock Clinic di Londra, concepito in origine per il training dei medici di famiglia (i "general practitioners"), ed esteso poi anche a medici ospedalieri, infermieri, assistenti sociali, counsellors per i problemi giovanili, psicologi, insegnanti, ecc., e tuttora largamente applicato in molti paesi d'Europa, negli USA, in Asia e in Australia.

Un gruppo di 10 - 15 professionisti si incontra ogni 1-2 settimane per circa un'ora e mezza per un anno o due con la guida di un esperto nella conduzione di gruppi, presentando a turno il caso di un paziente/cliente - specialmente se problematico o "difficile" - ed esplorando con il contributo dei partecipanti e l'aiuto del conduttore la natura e la qualità della relazione di cura, le emozioni e le fantasie che la impregnano e soprattutto l'influenza che queste esercitano sulla diagnosi, sull'andamento della terapia, sul percorso assistenziale ed educativo, sull'alleanza di lavoro col paziente/utente (o, viceversa, sui conflitti e la non-compliance che ne emergono) e sui rapporti con i familiari, i colleghi e gli altri soggetti coinvolti nel trattamento. 
Il focus non è primariamente sulla malattia, sul quadro clinico o sulla situazione sociale, ma sul cliente, o meglio, sul rapporto che si instaura tra questo e il suo medico o con lo staff curante o con i diversi professionisti che che lo hanno in carico, nello studio medico, in ospedale, in RSA, in un hospice, sull'ambulanza del 118, in una comunità, in un’assistenza domiciliare - dovunque le cure e le prestazioni assistenziali vengano offerte.
 
Il metodo parte dall'assunto che il curante (o il sistema della cura e dell’assistenza) è una specie di farmaco e che quindi per potersi somministrare correttamente deve imparare a conoscersi meglio, deve sapere la propria "farmacodinamica", la posologia, la tossicità, l'efficacia e gli effetti collaterali... L'obiettivo che si persegue non è tanto una migliore prestazione in sè, ma una migliore relazione di cura e d’aiuto da cui è prevedibile che deriverà un clima più collaborativo e in definitiva migliori risultati, e comunque meno fatica, meno ansia e meno frustrazione nel cercare di ottenerli.

Le esperienze fatte finora mettono in evidenza l'utilità del metodo sia sul piano del "sostegno tra pari" che come esplorazione della "clinica della relazione di cura e d’aiuto" e anche come allenamento al lavoro di équipe. In tempi in cui sta diventando sempre più complicato e logorante fare il medico o prendersi cura dei malati, e in generale di persone che soffrono per disagi fisici, psicologici e sociali, i Gruppi Balint possono contribuire a ridurre il carico emotivo della funzione di cura, di assistenza e d’aiuto, e a prevenire il burnout e la disaffezione.

Spero di avere suscitato il tuo interesse e mi auguro di incontrarti in uno dei nostri Gruppi di prossimo avviamento 

Mario Perini
Psichiatra, psicoanalista, direttore scientifico de IL NODO group, conduttore di Gruppi Balint




staffA CHI È RIVOLTO

I partecipanti del gruppo sono operatori e professionisti impegnati in relazioni di cura, educative e d’aiuto all’interno di strutture e servizi sanitari di tipo pubblico o privato. Il gruppo è quindi rivolto a medici di famiglia, specialisti, ospedalieri e funzionari, psicologi, infermieri, educatori, assistenti sociali e altre figure professionali della sanità e dell’assistenza – come vigilatrici di infanzia, OSS – e della scuola (insegnanti). 

Rispetto al modello originario dei Gruppi Balint, che prevede la partecipazione di figure provenienti dallo stesso ambiente lavorativo, per lo più medici, in questo gruppo la relativa eterogeneità delle persone, delle discipline professionali, delle culture e dei linguaggi di lavoro si giustifica per la sua aderenza ai modelli contemporanei di lavoro basati sull’équipe multiprofessionale e sulla rete dei servizi territoriali; per la sua valenza di stimolo all’apprendimento e al confronto tra le diverse prospettive, come dimostrano le esperienze formative condotte in tutto il mondo nell’ambito del cosiddetto “modello Tavistock” delle relazioni di gruppo.



staffQUOTE DI ISCRIZIONE

Medici e psicologi  € 350 +22% IVA (€ 427) costo intera edizione  

Infermieri, educatori, assistenti sociali ed altre professioni sanitarie € 250 + 22% IVA  (€ 305) costo intera edizione

Il pagamento dovrà essere effettuato con bonifico bancario intestato a:

Associazione IL NODO GROUP
A.B.I  02008 C.A.B. 01058 IBAN: IT 92 S 02008 01058 000040951624
Causale Gruppo Balint 5a edizione 2019_cognome nome

SCHEDA D'ISCRIZIONE ONLINE


staffQUANDO, DOVE, COME

Le sedute del gruppo si svolgono al mercoledì sera, la sera dalle 21 alle 22,30 con regolare cadenza quindicinale.
 
CALENDARIO 5a edizione  a partire da febbraio 2019
  • 20 febbraio 
  • 6 marzo
  • 20 marzo
  • 3 aprile
  • 17 aprile
  • 8 maggio
  • 15 maggio
  • 29 maggio 
  • 12 giugno 
  • 26 giugno  

Le date programmate non verranno cambiate, salvo casi eccezionali e comunque col consenso di tutti i membri del gruppo. Qualora una seduta debba essere cancellata per eventi imprevisti,  ne verrà data tempestiva comunicazione a tutti i partecipanti. 

Al fine di permettere un adeguato lavoro di gruppo si raccomandano ai partecipanti sia la puntualità sia la continuità nella frequenza. Il gruppo vive dei contributi dei suoi membri e una partecipazione occasionale o discontinua oltre a comprometterne la creatività tende a generare ansia e demotivazione. 

Gli incontri del Gruppo Balint si svolgeranno presso i locali dell’Associazione Y.W.C.A-U.C.D.G- Foyer di Torino in via San Secondo 70, Torino. 

PER INFORMAZIONI 

Segreteria organizzativa: Alessandro Siciliano
Tel. +39 339/1255583. | Mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Per iscriversi compilare il modulo di iscrizione on-line

L'Associazione IL NODO GROUP e l'Università di Milano Bicocca presentano 

IL GRANDE GRUPPO 

 Umanità a rischio? Esperienze e riflessioni sulla società contemporanea

1-2 febbraio 2019

Con la sponsorship di Coirag e il Patrocinio dell'Università Milano Bicocca

Università di Milano Bicocca, Villa di Breme Forno (edificio U46), Via Martinelli, 23  Cinisello Balsamo (MI) 

La vita di gruppo è parte della nostra esperienza quotidiana: nella vita psichica di ogni individuo gruppo e società sono sempre presenti. Il Grande Gruppo è un’esperienza che invita a non prescindere dal contesto sociale nel quale si svolge la narrativa personale.  

Dall’inizio del secolo scorso sono fioriti studi e metodologie di indagine gruppale, focalizzati sulla comprensione del rapporto tra individuo e gruppo di appartenenza, sia esso nelle organizzazioni pubbliche quanto in quelle private, nelle istituzioni, nelle piccole imprese familiari, nella scuola quanto nella famiglia. La ricerca ha portato ad esplorare inoltre le correnti inconsce che attraversano i gruppi e che si manifestano nella collettività. 

L’insieme di questi studi, come nella tradizione delle Group Relations Conference del Tavistock Institute di Londra, ha trovato diverse applicazioni nella comprensione dei fenomeni sociali, nelle consulenze per facilitare il funzionamento organizzativo, nel campo terapeutico e nelle indagini di mercato. 

Il grande gruppo (dai trenta/quaranta partecipanti in su) è un luogo che rispecchia le dinamiche sociali dove si possono osservare in azione le influenze che i grandi raggruppamenti di persone possono avere sul comportamento, le decisioni e le azioni sia dei gruppi più piccoli che dell’individuo.

OBIETTIVO
L'utilità che questo evento offre ai partecipanti consiste nell’opportunità di: 

  • studiare cosa succede in un grande gruppo 
  • riflettere sull’impatto che il proprio comportamento ha su quanti ci circondano e sul gruppo nel suo insieme 
  • riflettere sul proprio ruolo di cittadini e sulle connessioni mentali con la società per poter sviluppare una comprensione di quanto stia accadendo a livello sociale 
  • sperimentare come trasferire l’apprendimento acquisito per sviluppare il proprio ruolo di cittadino

A CHI È RIVOLTO
L’approccio è basato sull’apprendere dall’esperienza nel qui ed ora in cui l’esperienza ha luogo. Ci saranno momenti di riflessione su quanto avviene negli incontri di Grande Gruppo e di applicazione delle conoscenze prodotte.

I PARTECIPANTI 
L’evento è aperto a chiunque voglia conoscere il funzionamento e le dinamiche consce e inconsce dei grandi assembramenti sociali. 

EVENTO A PARTECIPAZIONE LIMITATA La partecipazione è vincolata al numero di posti disponibili, massimo 65 partecipanti

STAFF 

Lead consultan FRANCA FUBINI
Psicoterapeuta, Gruppoanalista e Consulente d’organizzazione. Senior Fellow University College London. Membro dello staff e direttore di Group Relations Conference in Italia e all’estero. Vicepresidente de Il Nodo Group, fiduciaria della Gordon Lawrence Foundation (UK), socia di ISPSO e di Opus (UK).

Amministratrice  ELISA BERTANA
Psicologa del Lavoro e delle Organizzazioni. Socia e segretaria scientifica de Il Nodo Group. Ha una formazione in Psicoterapia Psicoanalitica ambito individuale, di gruppo, istituzionale (C.O.I.R.A.G). Consulente e formatrice nelle aree: benessere organizzativo, sviluppo e orientamento professionale,outplacement, selezione del personale.

CONSULENTI SCELTI TRA  

LOUISA DIANA BRUNNER Consulente di Leadership e Organizzazione, Executive e Career Coach, Advisor per  Aziende Familiari, Ricercatrice, Selezione SDA Bocconi, Milano. Mentor Family Firm Institute. Ha fatto parte dello staff di Group Relations Conference in Italia e all’estero. 

JULIAN LOUSADA Già Direttore clinico del Tavistock Clinic Dipartimento per adulti, e attuale Presidente del British Psychoanalytic Council. Psicoanalista che svolge la libera professione nella clinica e nella consulenza organizzativa. Ha diretto ed è stato nello staff di Group Relations Conference nel Regno Unito e all’estero.

MARIA GRAZIA RIVA Professore Ordinario di Consulenza clinica nella formazione nel Corso di Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche, Direttore del Dipartimento di Scienze Umane per la formazione ‘’Riccardo Massa’’ presso l’Università di Milano-Bicocca. È anche Psicoterapeuta, Consulente e Supervisore. Ha partecipato a numerose Group Relations Conference in Italia e all’estero.

ALFREDO VENEZIALE Consulente organizzativo e Project manager, Host di Social Dreaming, Conduttore di Gruppo Balint e Gruppo Allargato Analitico. Ha fatto parte dello staff di Group Relations Conference in Italia. Laurea in Scienze della Comunicazione. Master in Risorse Umane. Socio de Il NODO Group

PROGRAMMA: 
Venerdì 1 febbraio dalle 14.00 alle 19.30 
Sabato 2 febbraio  dalle 9.00 alle 18.00

QUOTA DI ISCRIZIONE:

EARLY BIRD entro il 07/01/2019
€ 195 ( IVA inclusa)

INTERA dopo il 07/01/2019  
€ 250 (IVA inclusa)

RIDUZIONE DEL 10% PER 

  • le organizzazioni sponsor 
  • o gruppi di una stessa organizzazione

Ulteriori riduzioni sono disponibili su richiesta. Contattaci via email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Il pagamento dovrà essere effettuato con bonifico bancario intestato a :
Associazione IL NODO GROUP
IBAN: IT 92 S 02008 01058 000040951624 
Causale Iscrizione GG2019_nome_cognome 

Per info: 

Agenzia Mosaico 
+39 011 568 1238 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

pdfLG2019_ITA.pdf  Scarica la brochure

L'Associazione IL NODO GROUP presenta

ALI 2019 AUTORITÀ LEADERSHIP INNOVAZIONE

22° Group Relations Conference Internazionale in Italia

Copertina ALI 2019

28 -31  MARZO 2019


EVENTO A PARTECIPAZIONE LIMITATA
L'iscrizione è subordinata alla disponibiltà dei posti

Hotel Astoria - Grado, Gorizia 

Gruppo A: per chi partecipa per la prima volta ad una Group Relations Conference
Gruppo B:
per chi ha partecipato ad almeno una Conference in passato
Gruppo T: per chi ha partecipato ad almeno due Conference 

letteraLETTERA DEL DIRETTORE

Gentili Partecipanti,

la 22a edizione della Group Relations Conference Internazionale in Italia ALI - Autorità, Leadership e Innovazione si svolgerà nei dintorni di Trieste, nel Grand Hotel Astoria (Grado), dal 28 al 31 marzo 2019. La conference è disegnata come un workshop residenziale nel quale l’apprendimento è di tipo esperienziale. Il titolo è Né pace né guerra e il sottotitolo esplicita il tema scelto: l’intreccio di alleanze inconsce e di conflitti latenti che ostacolano la fluidità delle dinamiche nelle istituzioni pubbliche e private.

Perché questa conference? Perché nel golfo di Trieste? E perché proprio su questo tema? ALI 2019 si svolgerà esattamente 100 anni dopo la fine della guerra che ha aperto “l’era degli estremi”, come Eric Hobsbawm ha definito il XX secolo: la guerra che ha ridisegnato il mondo e lo ha trasformato in ciò che noi conosciamo oggi. Iniziata nei Balcani nel 1914, la Prima Guerra Mondiale si diffuse rapidamente e inaspettatamente in tutto il mondo.

Fu ufficialmente chiusa all’inizio del 1919, a Parigi, dove le delegazioni dei 
paesi belligeranti si riunirono per stabilire gli accordi di pace. Fu in questa città che i politici e i diplomatici di tutto il mondo scoprirono che – come disse il Primo Ministro francese Clemenceau – era molto più facile fare la guerra che costruire la pace. Alla fine di estenuanti negoziati, l’Europa centrale era divenuta un’area instabile caratterizzata da una frammentazione nazionalistica e da un grande vuoto politico. “L’impero Austro-Ungarico era sparito” - ha recentemente scritto la storica Margaret McMillan - “l’impero Ottomano era praticamente finito, la Germania imperiale era diventata una repubblica, alcune vecchie nazioni come la Polonia, la Lituania, la Lettonia e l’Estonia erano riemerse dalla nebbia della storia, mentre nuove nazioni - come la Jugoslavia e la Cecoslovacchia - stavano lottando per nascere”. Nel 1919, Trieste divenne l’epicentro mediterraneo di questo grande vuoto.  

Un secolo dopo i negoziati che cambiarono il volto del mondo, molti dei problemi per i quali diplomatici e politici avevano faticato a trovare soluzioni stabili restano ancora aperti. Le grandi differenze culturali ed economiche - est e ovest, nord e sud, paesi e mentalità - sono ancora presenti. Quando il ciclo economico diventa stagnante e lo sviluppo sociale rallenta, queste differenze potenzialmente preziose tendono a essere nuovamente percepite come conflitti aperti, e la ricerca di identità nazionali ed etniche forti ostacola la possibilità di trarre vantaggio dalle diversità nel modo di pensare e far funzionare le strutture sociali. 

All’interno di questa matrice, caratterizzata da processi lenti e complessi alimentati da contraddizioni permanenti, proponiamo ai partecipanti di lavorare su poche inevitabili domande. 
Come si costruisce e si mantiene la leadership? Qual è il ruolo istituzionale dei follower? Da dove proviene l’autorità e quali alleanze riflette? Perché i conflitti rimangono latenti e sono così difficili da gestire?

L’attenzione si concentrerà sull’intreccio dei fenomeni psichici consci e inconsci, sulla combinazione sconcertante e inestricabile di ragionamenti e fantasie che influenzano la vita interiore degli individui e il funzionamento dei gruppi. È solo riflettendo sulla complessità delle nostre esperienze e lavorando per immaginare il futuro che stiamo costruendo, che possiamo comprendere l’intrico dei fattori più influenti sulle nostre vite e sulla storia. Da un lato, troveremo il potere dei processi emotivi e delle dinamiche inconsce; dall’altro, il ruolo della razionalità e dell’autorità che sono necessarie per affrontare le scelte personali e le decisioni collettive. 

In attesa di poter presto lavorare con voi, vi saluto cordialmente.

Giovanni Foresti, Direttore della Conference

staffSTAFF DELLA CONFERENCE

GiovanniGiovanni Foresti
Direttore
Laureato in medicina e specialista in psichiatria, è analista con funzioni di training della SPI e dell’IPA. Socio di OPUS, Londra, fa parte del comitato scientifico de Il NODO Group, Torino, e insegna nella Scuola di Specializzazione in Psichiatria dell’Università di Milano-Bicocca e alla Facoltà di Psicologia dell’Università Cattolica. Lavora come supervisore e consulente organizzativo in diverse istituzioni.
CarlaCarla Cremonese
Vice Direttore
Psichiatra, psicoterapeuta, responsabile ambulatorio Prevenzione della Malattia Mentale (15-24 anni), Clinica Psichiatrica di Padova. Professore a contratto nella Scuola di Specializzazione in Psichiatria Università di Padova. Membro del Direttivo PSIVE. Socio del NODO Group, Torino. Membro dello staff delle GRC italiane ALI. Lavora in diversi contesti istituzionali come supervisore e formatore.
LucaLuca Mingarelli
Direttore del Programma di Training e Vice Direttore Associato
Imprenditore sociale, Psicologo, Presidente Rosadeiventi onlus, Direttore di Comunità Terapeutiche per adolescenti, Consulente di Organizzazioni. Presidente Il NODO Group. Socio OPUS. Ideatore e Co-direttore di eventi GR innovativi: “Energia, collaborazione creativa e benessere nelle organizzazioni” e “Learning from Action”. Allenatore nazionale di basket. Iscritto all’Ordine dei giornalisti.
Julian LousadaJulian Lousada
Senior Advisor
Ex direttore clinico di Dipartimento della Tavistock Clinic Adult e recente Chair BPC. Psicoanalista nella pratica privata di consulenza clinica e organizzativa. Ha diretto ed è stato membro dello staff di Group Relations Conference nel Regno Unito e in molti altri Paesi.
Daniela CabibbeDaniela Cabibbe
Amministratrice
Matematica. Vent’anni anni di esperienza dirigenziale e nel Board di aziende commerciali, ha operato in Italia, Europa, America e India e oggi consulente aziendale nei progetti di innovazione e cambiamento delle prestazioni e delle organizzazioni. Professionista Six SigmaBlack Belt nella gestione di progetti complessi e funzionali, nel Lean Management, e auditor nella certificazioni di qualità. Socia di OPUS, Londra, fa parte del Comitato Direttivo de Il NODO Group e Tesoriere dell’Associazione Mito&Realtà.
RosannaRosanna Rulli
Amministratrice
Medico psichiatra, membro SPI/IPA, vive e lavora a Bologna come libero professionista. Fino al 2000 ha lavorato come aiuto presso l’ambulatorio della Clinica Psichiatrica Paolo Ottonello dell’Università di Bologna. Fa parte del Gruppo di Studio e Lavoro sulla Psicologia delle Emergenze del Centro Psicoanalitico di Bologna, è componente del Gruppo PER, per richiedenti asilo, è tra i fondatori del Centro Bolognese dell’Istituto Psicoanalisi di Gruppo. Formatore e supervisore per operatori sociali e sanitari.

CONSULENTI scelti tra

Germano Alberti
Marketing e Sales Manager presso Igb, un’azienda di packaging in forte espansione. Membro del gruppo IGRO in Irlanda, Consulente per le conferenze GR. Ex Consulente di training ed ex membro del comitato AIF, la associazione italiana dei formatori; ha lavorato per grandi aziende pubbliche e private
Elisa Bertana
Psicologa del Lavoro e delle Organizzazioni. Socia e segretaria scientifica de Il Nodo Group. Ha una formazione in Psicoterapia Psicoanalitica ambito individuale, di gruppo, istituzionale (C.O.I.R.A.G). Consulente organizzativa e formatrice nelle aree: benessere organizzativo, sviluppo e orientamento professionale, outplacement, selezione del personale. 
Claudio Cassardo
Psicologo clinico presso gli Ospedali riuniti San Paolo e San Carlo (Milano); socio ordinario della Società Italiana di Psicoanalisi e full member della International Psychoanalitic Association; Socio de Il Nodo Group (Torino).
Chiara Ghetti 
Medico psichiatra, membro SPI/IPA, lavora a Bologna come psicoanalista e psicoterapeuta. Si è occupata di psichiatria, di tossicodipendenze e, come responsabile di Day Hospital, di servizi riabilitativi. Referente del Gruppo di studio e lavoro sulla Psicologia delle Emergenze del Centro Psicoanalitico di Bologna e componente del Gruppo PER, per richiedenti asilo. Formatore e supervisore per operatori sociali e sanitari.
Jolita Buzaitytė-Kašalinienė
Professore associato presso il Dipartimento Social Work della facoltà di Filosofia dell’Università di Vilnius. Consulente del Ministero delle Scienze dell’Educazione, del Ministero della Sicurezza Sociale e del Lavoro, membro del National Board of Social Work per la Lithuanian Sociologists Society e la Lithuanian Scouting Association, Rappresentante della Vydūnas Youth Foundation, Presidente della Lithuanian Society of Group Relations.
Manuela Martelli
Medico, specialista in Neurologia, Psicologia Medica e Psicoterapia, membro SPI/IPA. Psicoanalista, ha svolto incarichi di supervisione e formazione per operatori socio sanitari. Collabora con l’Asl di Bologna come supervisore di equipe multidisciplinari psico-socio-educative per i richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale ed è consulente psicoterapeuta per i rifugiati.
Francesco Noseda
Psicologo, psicoterapeuta, psicoanalista IFPS; esperto in psicoanalisi di gruppo, psicodramma psicoanalitico e psicoanalisi con adolescenti. Co-fondatore della sede di Parma dell’Istituto SIPRe, vi insegna Psicoterapia di gruppo e psicodramma e Psicoterapia famigliare. Membro del Consiglio direttivo de Il NODO Group. Psicoterapeuta in diversi contesti clinici, supervisore di diverse comunità residenziali della Lombardia.
 
Fabrizio Pavone 
Psichiatra, psicoanalista SPI/IPA. Responsabile del Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura del Policlinico San Matteo di Pavia. Professore a contratto di Psicoterapia di gruppo e familiare nelle Scuole di specializzazione in Neurologia-Psichiatria e nel Corso di laurea per Tecnici della riabilitazione psichiatrica dell’Università di Pavia. Formatore e Supervisore in ambito di Terapeutica artistica per l’Accademia di Belle Arti di Brera.
 
Amra Saleem Rao
Psicologa clinica e consulente organizzativo. Nata in Pakistan, ha origini nell’India del Sud. È a capo di servizi psicologici a Londra e Direttore di Psychological Horizons, società di consulenza organizzativa. Chair della BPS Leadership and Managment Faculty, conduce programmi nazionali sul Benessere e di supporto alla Leadership. UK
 
Miki Rozenstine
M.A., Psicologo Organizzativo, Consulente; Manager - Partner Mifgash - Individual, Team and Organization. Membro della Facoltà e Codirettore del Program in Organizational Consultation & Development: un approccio sistemico-psicoanalitico, sponsorizzato da Tavistock Institute e Ofek.; Ex Comandante della School for Leadership Development – IDF; Membro, Ofek.
 
Alfredo Veneziale
Consulente organizzativo e Project manager, Host di Social Dreaming, Conduttore di Gruppo Balint e Large group. È stato membro dello staff della GRC italiana ALI e della working conference ECW. Laurea in Scienze della Comunicazione. Master in Risorse Umane. Socio de Il NODO Group e Trustee della Gordon Lawrence Foundation.

CONSULENTE INTERPRETE
Isabella Negri
MA (Scienze Politiche), è un interprete esperto e traduttore in discipline umanistiche e in contesti formativi. Ha partecipato a numerose edizioni di conferenze GR in Italia e all'estero sia come membro dello staff sia come partecipante.

staffLA CONFERENCE DEL 2019

Compito primario della Conference 2019. Apprendere dall’esperienza gli aspetti consci e inconsci dell’autorità e della leadership che consentono di comprendere le alleanze inconsce e le impasse conflittuali.


COS’È UNA GROUP RELATIONS CONFERENCE

La Conference è un’organizzazione temporanea finalizzata all’esplorazione e all’apprendimento dall’esperienza dei processi consci e inconsci che si manifestano nel “qui-e-ora” delle dinamiche di gruppo. Il proposito è di generare apprendimento e nuovi pensieri e di riesaminare le nostre conoscenze e valori, avendo l’opportunità di sperimentarsi in ruoli diversi. Vengono messi così a disposizione dei partecipanti elementi utili per un cambiamento reale e sostenibile nell’interpretazione dei ruoli che si ricoprono nella propria organizzazione di appartenenza e nella vita.

LA METODOLOGIA DELLA CONFERENCE

L’organizzazione della Conference e le attività proposte ai partecipanti consentono un apprendimento di tipo esperienziale. Con quest’espressione si intende un apprendimento basato sull’esperienza dal vivo dei processi gruppali e organizzativi, che stimola le capacità di auto riflessione e incoraggia uno spirito di ricerca.

I partecipanti, insieme con lo staff, possono esaminare criticamente diverse esperienze e comportamenti e il proprio modo di assumere e interpretare i ruoli di leader e di follower.

Questo tipo di formazione non ha intenti terapeutici, e può talvolta rivelarsi fonte di stress. Per tale motivo, si consiglia alle persone che stanno attraversando un momento particolarmente difficile nella loro vita personale di rinviare la partecipazione a un’edizione successiva.

GRUPPO DI TRAINING 

Questa edizione prevede un programma di training. La partecipazione è riservata a coloro che hanno partecipato ad almeno due Conference di Group Relations. Il training serve ad approfondire lo studio e la metodologia e a riflettere sulle possibili applicazioni nella vita professionale. Consigliamo, a chi è interessato, di segnalare al più presto la sua intenzione agli Amministratori Daniela Cabibbe e Rosanna Rulli, o alla Direzione, all'indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


A CHI È UTILE E PERCHÉ

La partecipazione alla Conference è utile per chi lavora in contesti aziendali e nei servizi pubblici, ed è interessato a comprendere, gestire e migliorare le dinamiche organizzative e gruppali per incrementare la propria efficacia nell’affrontarle.

Tutti i processi organizzativi includono una dimensione emotiva, irrazionale ed inconscia. Quando questa componente non viene riconosciuta e gestita, l’efficacia di un sistema diminuisce, accrescendo proporzionalmente il costo sia emotivo che economico dell’organizzazione. La partecipazione alla Conference consente di osservare, riconoscere e gestire tale dimensione, essenziale per il funzionamento di ogni sistema e organizzazione. 

La Conference può rivelarsi particolarmente efficace se partecipano due o più persone della stessa organizzazione, soprattutto in presenza o in prospettiva di grandi cambiamenti, crisi, fusioni, acquisizioni. Per tale motivo la quota di partecipazione prevede facilitazioni per l’iscrizione di più persone appartenenti alla stessa organizzazione.

TEMI, OBIETTIVI, BENEFICI 

Nella cultura occidentale è tuttora presente e radicata la tendenza ad immaginare l’uomo come essere isolato, prima ancora che immerso in una matrice sociale. La Group Relations Conference ALI 2019 offre al partecipante la possibilità di sperimentare le connessioni fra individuo, gruppo e organizzazione e i confini di tempo, spazio e compito.

L’esperienza consente di osservare in azione dinamiche di competizione e cooperazione consce e inconsce, la natura dell’autorità, vissuta attraverso diversi ruoli, e la reciproca influenza che ognuno di noi ha sugli altri. 

Il focus sulle alleanze inconsce e sulle impasse conflittuali indirizza l’attenzione del partecipante sulle dinamiche che caratterizzano la cultura delle istituzioni pubbliche e private in questa particolare fase storica nelle istituzioni/organizzazioni.

staffQUOTE DI ISCRIZIONE E RIDUZIONI

La quota include la partecipazione alla Conference e l’alloggio in pensione completa per la durata dell’evento.
La richiesta d’iscrizione è considerata valida al ricevimento della scheda di partecipazione debitamente firmata e corredata dell’attestazione dell’avvenuto pagamento dell’acconto di prenotazione di € 345 IVA inclusa. 
Presso l’hotel sono disponibili camere singole doppie o triple fino ad esaurimento. La richiesta di eventuali notti aggiuntive dovrà essere inoltrata dal partecipante via email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.o telefono al n. 0431 835 50 e il corrispettivo sarà saldato direttamente in hotel al momento del check-out. In caso di mancata partecipazione il deposito non verrà rimborsato

Gruppo A (chi partecipa per la prima volta ad una GRC)
Gruppo B
(chi ha partecipato ad una GRC in passato)
EARLY BIRD  prima del 16/01/19  € 1.403 ( € 1.150 + IVA )
INTERA per iscrizioni dopo il 16/01/19   € 1.708  ( € 1.400 + IVA )

Gruppo T
( per chi ha partecipato a due GRC)
EARLY BIRD  prima del 16/01/19  € 1.830 ( € 1.500 + IVA )   
INTERA per iscrizioni dopo il 16/01/19   € 2.074  ( € 1.700 + IVA )
 
RIDUZIONI AGGIUNTIVE
Per facilitare la partecipazione sono state previste alcune borse di studio e altre soluzioni economiche (sconti per studenti e per persone che provengono dalla stessa istituzione). Chi intende usufruirne deve farne richiesta agli Amministratori, Daniela Cabibbe e Rosanna Rulli, compilando entro l'1 dicembre il modulo online tramite il MODULO DI RICHIESTA A QUESTO LINK


Sono previsti crediti formativi  39 ECM  per le professioni sanitarie.



staffINFORMAZIONI UTILI

La Conference inizia alle ore 11.00 del 28 marzo 2019 e termina alle ore 16.30 del 31 marzo. Accoglienza e registrazione dalle ore 10.00 alle ore 10.50. Ai partecipanti è richiesto di rispettare l’intero programma della Conference, che è residenziale.

LINGUE: ITALIANO, INGLESE

È prevista la presenza di un consulente nel ruolo di interprete.

LUOGO 

Il Grand Hotel Astoria si trova a Grado a circa 25 minuti di macchina dall’aeroporto o dalla stazione ferroviaria. I partecipanti che arriveranno in auto sono autorizzati a percorrere con l’automobile la zona a traffico limitato istituita nel centro storico dell’Isola di Grado.
Grazie alla recente ristrutturazione dell'Aeroporto di Trieste (TRS), a 25 minuti d'auto da Grado, e alla realizzazione del nuovo Polo Intermodale Trieste Airport, l’hotel è facilmente raggiungibile per chi arriva sia in treno che in aereo. Possibilità di effettuare transfer personalizzati e collettivi da Trieste Airport.

Se interessati, si prega di contattare con largo anticipo: Grand Hotel Astoria Largo San Grisogono, 3 34073 Grado (GO) 
+39 0431 83550 | 0431 83355 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | www.hotelastoria.it

 


PER INFORMAZIONI

Segreteria - Agenzia Mosaico srl
Tel. +39 011 568 1238 | Mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
La Conference ALI 2019 è organizzata da Il Nodo Group con il patrocinio di:
spi TI akri
asvegra coirag koinonia-art psive